Leonardo Sciascia e la Svizzera

Leonardo Sciascia (1921-1989) è molto noto soprattutto per i suoi romanzi-bestsellers sulla mafia (Il giorno della civetta è del 1961). Meno conosciuti sono invece i suoi rapporti con la Svizzera che, in realtà, sono assai stretti. Nel 1957 lo scrittore siciliano vince a Lugano il Premio «Libera Stampa»: è l'inizio di una carriera brillante e fortunata e di rapporti umani e culturali con il mondo elvetico che dureranno fino alla sua morte. In Svizzera escono le traduzioni in lingua tedesca di varie sue opere; Sciascia tiene parecchie conferenze; pubblica una trentina di articoli su giornali; intrattiene amicizie; si fa intervistare dalla radio e dalla televisione. Fresco di stampa è il volume Troppo poco pazzi. Leonardo Sciascia nella libera e laica Svizzera, curato da Renato Martinoni (Firenze, Olschki, 2011). Nel corso della serata verrà proiettata anche un'intervista fatta dalla televisione svizzera allo scrittore.

Scarica locandina di invito

Devi effettuare il login per inviare commenti