Commemorazioni

Commemorazioni

Lo scorso 29 ottobre, a Milano, è morto il professor Thomas Donald Baldwin. Di nazionalità britannica, in anni lontani era stato docente di italiano a Londra, ed era anche diventato presidente della Association of Teachers of Italian. Si era poi trasferito a Milano, dove aveva insegnato all’Istituto di Lingue Straniere della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi e all’Università IULM. Era stato negli anni ’80 anche Lettore di Inglese all’Università di Firenze. Tom – come preferiva essere chiamato – era da moltissimi anni socio degli Amici di Sciascia, ma prima ancora aveva conosciuto personalmente il Nostro, intrattenendo con lui…
Venerdì 15 maggio è morto a Parigi Mario Fusco. Traduttore, critico letterario, curatore di alcune delle più rilevanti edizioni o riedizioni di autori italiani in Francia, era professore emerito di letteratura italiana presso l’Università Sorbonne Nouvelle Paris III. Tra i maggiori studiosi di Sciascia e membro del Collegio di Direzione di "Todomodo", lo ricorda per noi l’amica Giovanna Lombardo che lo aveva di recente intervistato a Parigi  e che ringraziamo. Le condoglianze e il pensiero affettuoso  degli Amici di Sciascia alla  vedova, Mme Geneviève Fusco, e ai figli Emmanuel e Dominique. Quando si è trattato di incontrare Mario Fusco, qualche…
Durante l’organizzazione del convegno L’etica del potere per Leonardo Sciascia, quando Renato (Albiero) è entrato in contatto con Claude Ambroise, mi disse che non potevo immaginare dove abitasse: a Sonvico, questo paesino del luganese, che ha lasciato un segno importante nella mia vita.  A Sonvico è cresciuta mia madre, fino a quindici o sedici anni. Era stata affidata dalla sua famiglia d’origine a una benestante coppia di giovani sposi. Lui da poco era tornato dall’America. Non ebbero figli. Non si conoscono le circostanze e i motivi di questo affidamento. Mia madre non ne ha mai saputo nulla. Ci raccontava però…
Sono trascorsi quasi sei mesi da quando Claude Ambroise, curatore, per volontà dello scrittore stesso, dei tre volumi delle Opere Bompiani di Sciascia, è scomparso. Proviamo a tessere un breve ricordo del massimo studioso dello scrittore siciliano, partendo da alcuni fili delle memorie di persone che in questo breve lasso di tempo li hanno svolti. Cogliamo l'occasione per invitare coloro i quali, avendo conosciuto lo studioso, vorranno scriverne un ricordo, a inviarcelo.A conclusione del quinto colloquio sciasciano organizzato dall'Associazione Amici di Leonardo Sciascia il presidente Renato Albiero ha ricordato Claude Ambroise, rammaricandosi del fatto che la sua scomparsa abbia privato…
É morto Claude Ambroise. Lo apprendo domenica 29 giugno alle 22.49 grazie a una mail di Paolo Squillacioti. Attonito é la prima reazione. Nel turbinio delle emozioni che sempre accompagna la scomparsa di una persona cara, rifletto sulla coincidenza che sia proprio il curatore delle Opere di Sciascia in corso di pubblicazione da Adelphi a darmi notizia che il curatore delle Opere di Sciascia pubblicate da Bompiani non sia più con noi. Un passaggio di testimone. Si parlerà di lui come del più grande, del maestro di critica, dello sciascista per eccellenza. Ma Claude Ambroise non avrebbe gradito. Buono, schivo, scontroso però al punto…
  Vincenzo Consolo avrebbe dovuto prendere parte al convegno internazionale sul cinquantenario de Il giorno della civetta, svoltosi a Palermo il 18 e 19 novembre 2011. L’aggravarsi delle sue condizioni di salute, che lo ha portato alla morte il 21 gennaio, glielo ha impedito.    Il suo intervento sarebbe stato un’ulteriore manifestazione della sua lunga vicinanza all’Associazione, e una rinnovata prova della sua amicizia con Leonardo Sciascia.Non ci soffermeremo sull’importanza dell’opera di Consolo per la letteratura italiana della seconda metà del Novecento, che è stata autorevolmente e ampiamente confermata dai numerosi articoli che la stampa nazionale gli ha dedicato in occasione…
Lo scrittore e giornalista messicano Federico Campbell è morto il 15 febbraio 2014 a Città del Messico. Nato l’1 luglio 1941 a Tijuana, nel nord del paese, era figlio di un telegrafista la cui famiglia, di origini scozzesi, dalla Virginia si era trasferita in Messico intorno al 1830. La madre era un’insegnante.
di Valter Vecellio Ci ha lasciato il 7 marzo, in punta di piedi, discreto. E così come era stato praticamente dimenticato, in fretta un rapido e svogliato necrologio, e via…Damiano Damiani è stato, nel corso dei suoi novantun anni, regista, scrittore, attore, sceneggiatore…quella che si dice una vita piena. Ed è composita, per restare ai film diretti, la sua produzione: si va da La banda degli affari, documentario del lontano 1947 a L’isola di Arturo del 1962; da Quien sabe?, erroneamente inserito nel filone del western all’italiana a La moglie più bella, con un’acerba ma già si indovina che è…