Edo Janich, Il cavaliere celeste, acquaforte, 1974
 

Una mostra dell’artista friulano Edo Janich e la presentazione della XXV cartella della collana «Omaggio a Sciascia» da parte del regista Roberto Andò arricchiscono la prima giornata del Novembre sciasciano.

Venerdì 8 novembre 2019 alle ore 19.00 a Casarsa della Delizia (Pordenone) nelle sale del Centro Studi Pasolini, Via Guido Alberto Pasolini, 4, associata alla manifestazione inaugurale del Novembre sciasciano - promossa dagli Amici di Leonardo Sciascia e diretta da Filippo La Porta -  «Pasolini e Sciascia: “ultimi eretici”.Affinità e differenze tra due intellettuali soli e disorganici, «fraterni e lontani», sarà inaugurata una mostra di rare cartelle di grafica, libri d’artista e incisioni dell’artista friulano Edo Janich, a ricordo del lungo e appartato sodalizio sviluppatosi con Leonardo Sciascia dagli anni Settanta fino alla morte dello scrittore. La mostra resterà aperta fino al 7 gennaio 2020 (orari: lunedì-venerdì 15.00/19.00 – sabato e domenica 10.30/12.30 – 15.00/19.00.

Martedì 17 settembre 2019 alle ore 18.00, presso il Museo Novecento di Firenze (Piazza Santa Maria Novella 10) ci sarà la presentazione del primo volume della collana “Smara”, pubblicato da Olschki a cura di Francesco Izzo, E Sciascia che ne dice? Il catalogo è questo, sui rapporti tra Mino Maccari e Leonardo Sciascia. Dialogheranno con il curatore Enrico Gatta, Franco Contorbia e Luigi Cavallo.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Clicca qui per informazioni sul Museo Novecento.

di Gloria Calzoni

Nei giorni 14 e 15 giugno 2019 si è svolta l’VIII edizione del convegno CICCRE (Convegno Internazionale Comunicazione e Cultura nella Romània Europea) presso l’Università dell’Ovest di Timişoara. L’evento, organizzato dal Centro di Studi Romanzi di Timisoara (CSRT) della Facoltà di Lettere, Storia e Teologia dell’Università dell’Ovest, è stato dedicato ai contrasti e interferenze in Romània. Obbiettivo dell’incontro è stato quello di riflettere sulla problematica delle simbiosi e delle specificità dello spazio romanzo: dalla diffusione e sviluppo delle lingue romanze alla nascita di letterature nazionali, puntando l’attenzione su un tema di grande rilevanza, quello dell’uomo romanico, del suo senso complesso, in quanto antico e moderno, polimorfico e plurivalente. L’incontro ha visto la partecipazione di studiosi, docenti, ricercatori e dottorandi provenienti da numerosi Paesi europei; i quali, dopo un’iniziale sessione comune, con interventi principalmente in lingua rumena, sono stati divisi in differenti sezioni in base all’ambito disciplinare scelto e alla lingua utilizzata.

Photo Courtesy: Giuseppe Leone.

L’Associazione Amici di Leonardo Sciascia invita tutti gli associati alla campagna «Due teste in una stessa sciascia».

Per sostenere l'impegno editoriale e le attività programmate in questo anno così importante per il trentennale della morte di Leonardo Sciascia (1921-1989), e per garantirne la prosecuzione nel prossimo futuro (nel 2021 ricorre infatti il centenario della sua nascita), abbiamo necessità che il numero dei soci e dei donatori aumenti in maniera davvero consistente: alla fine dello scorso anno eravamo 150, e se ciascuno degli attuali soci ne portasse semplicemente uno, potremmo rapidamente raddoppiare la nostra base associativa.

Un nuovo socio, tutto sommato, è un obiettivo alla portata di tutti! basta che ciascuno rifletta sulle persone, che, nella propria cerchia di amicizie e conoscenze, potrebbero esprimere in maniera tangibile il loro sostegno alla nostra Associazione. Occorre prendere l'iniziativa ed essere molto diretti nella proposta.

di Rossana Cavaliere e Roberta De Luca

Per la prova scritta di Italiano degli esami di maturità 2019, agli studenti è stato proposto anche un brano tratto da Il giorno della civetta. Il fatto che ciò sia avvenuto nel trentennale della scomparsa di Leonardo Sciascia, e al di là del taglio che è stato dato alla prova, ha costituito un omaggio alla memoria dello scrittore e il riconoscimento della sua importanza nel panorama della letteratura italiana.
La prova su Sciascia è stata scelta dall’11 per cento dei circa 520.000 giovani che quest’anno hanno affrontato l’esame di maturità. Si tratta di circa 57.000 ragazzi, un numero di tutto rispetto. Per buona parte di loro, è ipotizzabile che questo contatto con lo scrittore di Racalmuto sia stato il primo. Ci auguriamo sia soltanto l’inizio.

 

Martedì 25 giugno alle ore 17.30  a Roma ha avuto inizio il finissage della nona edizione del Premio Leonardo Sciascia amateur d’estampes, con la sesta e ultima mostra delle 29 opere in concorso. La mostra, la cui direzione artistica è stata affidata a Giuseppe Modica, Artista, Docente di Pittura e Coordinatore del Dipartimento di Arti Visive dell’Accademia di Belle Arti di Roma, giurato del Premio, è stata allestita nella Sede di Via Ripetta, Aula Colleoni, Accademia di Belle Arti di Roma (Piazza Ferro di Cavallo, 3). Dopo i saluti di Tiziana D’Acchille, Direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma, sono intervenuti Francesco Izzo, Presidente dell’Associazione Amici di Leonardo Sciascia, Tania Campisi, Docente di Grafica d’Arte ABAR e Coordinatore di Grafica d’Arte. Alle 18.30 c'è stata l’inaugurazione della mostra che resterà aperta dal lunedì al sabato (ore 10.00-18.00) fino al 25 luglio.  Ingresso libero.

In allegato il programma.

Sciascia e Pasolini – Premio Brancati (1968) (per gentile concessione dell’Archivio Pro Loco Zafferana Etnea)

Promosso dal Centro Studi Pasolini in collaborazione con gli Amici di Sciascia, il convegno, intitolato suggestivamente PASOLINI E SCIASCIA: «ULTIMI ERETICI». Affinità e differenze tra due intellettuali soli e disorganici, «fraterni e lontani», ha  dato il via a Casarsa della Delizia (Pordenone), l’8 e il 9 novembre 2019, al ciclo di manifestazioni del «Novembre Sciasciano», ideato dagli Amici di Leonardo Sciascia e diretto da Filippo La Porta, nella ricorrenza del trentennale della morte di Leonardo Sciascia (1989-2019). Si è indagato sui rapporti tra due giganti della cultura del Novecento intorno a diversi temi: dal potere politico alla scuola, dal cinema alla sfera del sacro, dalla poesia alle recensioni. Al termine della prima giornata di conferenzenella sala del Centro Studi Pier Paolo Pasolini, è stata inaugurata una mostra dell'artista Edo Janich, ed è stata presentata, dal regista Roberto Andò, la XXV Cartella "Omaggio a Sciascia". Subito dopo, la lettura scenica "La notte delle lucciole" di Roberto Andò, nell'interpretazione di Marco Baliani, ha chiuso l'intensa giornata. 



Ieri 11 Maggio alle ore 17.30, al XXXII Salone internazionale del Libro di Torino, nel Padiglione 1 presso lo spazio della Regione Marche, pieno di visitatori, si è svolto un incontro promosso dagli Amici di Leonardo Sciascia e la rivista «Todomodo», in collaborazione con la Regione Marche e la Casa editrice Olschki su  
«
Leonardo Sciascia: le Marche, la Scuola, l'Europa». 
Sono intervenuti Luigi Carassai, già Presidente degli Amici di Sciascia, Niccolò De Laurentiis, Vicepresidente, le relatrici Tiziana MattioliRoberta De Luca e Giovanna Lombardo. Si è parlato, in prospettiva europea, dei rapporti di Leonardo Sciascia con intellettuali e artisti marchigiani, di scuola, e tanto altro. È stato presentato inoltre il secondo volume della nuova collana degli Amici di Leonardo Sciascia, “Smara”, (uno dei numerosi omaggi per chi si associa) e sono stati anticipati i temi del Leonardo Sciascia Colloquium che si svolgerà in novembre a Parigi.

In allegato il video della manifestazione (dalla 7a ora di registrazione in poi)

ULIO PAOLINI, Senza titolo, 1990, collage su carta nera 70 x 100 cm (Collezione privata Firenze, courtesy Tornabuoni Arte)

Parigi, Istituto italiano di cultura, 50 Rue de Varenne, 21-22 novembre 2019

Parigi, città con cui Sciascia ebbe un legame speciale, è stata la sede dell’appuntamento clou di quello che abbiamo definito «Novembre sciasciano»: nel mese di novembre si è commemorato infatti il trentesimo anniversario della scomparsa dello scrittore di Racalmuto, e la nostra Associazione ha celebrato questa ricorrenza con alcuni eventi in Italia e, per la prima volta, all’estero. 

Il X Leonardo Sciascia Colloquium, realizzato sotto la direzione scientifica di Filippo La Porta, ha approfondito i legami e le assonanze tra l’opera sciasciana e quella di altri scrittori novecenteschi, tutti accomunati dall’estraneità a canoni ufficiali e da un’assoluta indipendenza di pensiero e di creazione artistica, che li condusse ad assumere spesso una posizione di coraggiosa inappartenenza: i nomi sono quelli di Camus, Herling, Chiaromonte, Silone, ed altri.

Al Colloquium, significativamente intitolato «Esercizi di ammirazione. Di sbieco. Leonardo Sciascia e gli «irregolari» del '900», a testimoniare l’estrema rarità, al giorno d’oggi, di questo fecondo sentimento, sono intervenuti studiosi quali Giorgio Pinotti, Fernando Savater, Giuseppe Samonà, Joseph Farrell, Matteo Marchesini, Paolo Squillacioti e altri che si sono occupati di questi autori.

GALLERIA EDIZIONI SPECIALI

COLLANA PORTE APERTE

1 - Bruno Caruso “Le giornate romane di Leonardo Sciascia

 

Massimo Onofri “Nel nome dei padri

 

Giuseppe Traina “In un destino di verità”

 

Kazimierz Brandys “Lettere alla Signora Z.”

 

Giacomo Casanova “Jcosameron

 

Denis Diderot “Il paradosso sull’attore

 

Valter Vecellio “Saremo perduti senza la verità

 

 

Giovanna Jackson “ Nel labirinto di Sciascia

 

Emanuele Navarro della Miraglia “Macchiette parigine”

 

Gian Franco Grechi “ Stendhal e Manzoni”

 

Giovanna Lombardo “ Il critico collaterale - Leonardo Sciascia e i suoi editori”

 

COLLANA QUADERNI LEONARDO SCIASCIA

 

Valentina Fascia (curatore), ”Colpi di penna,colpi di spada“

 

FUORI COLLANA

 

Nino De Vita “Il cuscùs dolce”

 

COLLANA SCIASCIA SCRITTORE EUROPEO

 

Renato Martinoni (curatore), ”Troppo poco pazzi – Leonardo Sciascia nella libera e laica Svizzera“

 

Ricciarda Ricorda (curatore), ”Leonardo Sciascia e la Jugoslavia“

 

RIVISTA TODOMODO

 

TODOMODO, Volume Anno I

 

TODOMODO, Volume Anno II

 

TODOMODO, Volume Anno III

 

TODOMODO, Volume Anno IV

 

TODOMODO, Volume Anno V

 

TODOMODO, Volume Anno VI

 

TODOMODO, Volume Anno VII

 

TODOMODO, Volume Anno VIII

 

TODOMODO, Volume Anno IX

[IN ALLESTIMENTO]

 

Page 3 of 15